• Noi Scuola - Roma
  • Noi Scuola - Roma

Servizi doposcuola

Dalle ripetizioni allo sportello d’ascolto

I servizi doposcuola si tengono presso le seguenti sedi:

  • Roma Casalpalocco Axa Infernetto Scuola Media Statale via Cilea, 269
  • Roma Mostacciano Torrino Mezzocammino Scuola media statale Orsa Maggiore via delle Costellazioni, 369
  • Pomezia Scuola Media Statale "Orazio" Via dei Fratelli Bandiera, 29

 

Docenti e tutors laureati sono a disposizione per fornire supporto ai ragazzi nello svolgimento quotidiano dei compiti, nell'assistenza allo studio per verifiche ed interrogazioni programmate e nella preparazione ad esami e test.

 

  • Doposcuola collettivo, aiuto compiti, tutoraggio mirato
  • Esperienza pluriennale nei casi di DSA, BES ed altre varie specifiche difficoltà dell'apprendimento
  • Servizio navetta compreso nella retta
  • Assistenza durante l'orario del pranzo (che potrà essere portato da casa o ordinato tramite servizio catering)
  • Sportello d'ascolto in sede
  • Prove gratuite
  • Tariffe personalizzate in base alla frequenza e scontate per l'iscrizione dal secondo figlio in poi.
  • A richiesta, ripetizioni individuali personalizzate.

Doposcuola Elementari e Medie

I.C. Francesco Cilea-Infernetto_________ I.C. Orazio Pomezia (RM) I.C. __________ Orsa Maggiore Eur-Mostacciano

doposcuola per elementari e medie scuola Francesco Cilea roma Infernetto
doposcuola per elementari e medie scuola Orazio roma Pomezia
doposcuola per elementari e medie scuola Orsa Maggiore Roma Eur Mostacciano

Ripetizioni Elementari Medie Superiori

Zone: Infernetto,Axa,Casalpalocco,Acilia,Mostacciano,Eur Torrino, Spinaceto,Pomezia

Servizio a domicilio o presso casa insegnante

Noi Scuola vanta di Esperienza pluriennale nei casi di DSA, BES ed altre varie specifiche difficoltà dell'apprendimento

BES

 

Nelle scuole capita spesso di sentire espressioni di questo tipo: non è certificato, è un BES, oppure non è un BES, è un alunno disabile, o ancora ha la certificazione DSA, non è un BES. Non pochi docenti, pur conoscendo le definizioni e le distinzioni introdotte con la Direttiva Ministeriale del 27/12/12, indicano spesso con l’acronimo BES solo quegli alunni che, pur manifestando un Bisogno Educativo Speciale (BES), non rientrano nelle misure previste dalla L. 104/92 sulla disabilità e dalla L. 170/10 sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA). In realtà, però, anche gli alunni con certificazione o con diagnosi di DSA manifestano un Bisogno educativo Speciale, riconosciuto, però, in questo caso, anche da una legge dello stato. Occorre perciò fare un po’ di chiarezza sull’uso dei termini.

La direttiva Ministeriale

BES

LA DIRETTIVA MINISTERIALE – Gli alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione, per ragioni molteplici ed eterogenee, sono in costante aumento. La D.M. individua quest'area indicandola come svantaggio scolastico; essa ricomprende problematiche diverse e viene definita come area dei Bisogni Educativi Speciali (BES). Vi sono comprese tre grandi sotto-categorie: la disabilità; i disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici e losvantaggio socioeconomico, linguistico o culturale.

 

 

1. Nella prima sottocategoria rientrano gli alunni con disabilità certificata ai sensi della L. 104/92. Solo in questo caso è prevista la presenza del docente di sostegno, per un numero di ore commisurato al bisogno.

2. La seconda sottocategoria riguarda i disturbi evolutivi specifici. La D.M. chiarisce che in essa rientrano non solo i Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA), diagnosticati ai sensi della L. 170/10, ma anche i deficit del linguaggio, delle abilità non verbali, della coordinazione motoria, dell'attenzione e dell'iperattività (ADHD). Per gli alunni con DSA è obbligatorio il ricorso ad unPiano Didattico Personalizzato (PDP) e l’utilizzo di strumenti compensativi e di misure dispensative che possano garantire il successo scolastico degli allievi.

3. La terza sottocategoria, infine, riguarda gli altri BES, cioè quegli alunni con svantaggio socioeconomico, linguistico o culturale. In questo caso, pur non essendo in presenza di una problematica certificata o diagnosticata ai sensi di una norma primaria e specifica di riferimento, si rileva un bisogno educativo speciale, generalmente limitato nel tempo, dovuto a situazioni molteplici e contingenti, che sono causa di svantaggio e, pertanto, richiedono per un certo periodo una particolare attenzione educativa. Si tratta ad esempio degli alunni di recente immigrazione, che non hanno ancora appreso la lingua italiana, oppure di allievi che si trovano in una situazione sociale, economica o culturale difficile, che comporta disagi molteplici nel regolare percorso scolastico. Anche in questo caso, come previsto dalla nota ministeriale n. 2563/13 si può ricorrere alla compilazione di un PDP ed a misure compensative e dispensative, qualora il consiglio di classe lo ritenga necessario per un certo periodo di tempo. In questo caso non è un obbligo ma una decisione collegiale dei docenti.


I Bisogni Educativi Speciali, dunque, possono essere molteplici e le misure previste nelle specificità delle situazioni sono riconducibili alle peculiari disposizioni normative.

DSA


Disturbi Specifici di Apprendimento

ripetizioni noi scuola roma

 

 

La Legge 8 ottobre 2010, nº 170 riconosce la dislessia, la disgrafia, la disortografia e la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento, denominati "DSA".

Il diritto allo studio degli alunni con DSA è garantito mediante molteplici iniziative promosse dal MIUR e attraverso la realizzazione di percorsi individualizzati nell'ambito scolastico.

NOI SCUOLA | 330, Viale Gorgia Di Leontini - 00124 Roma (RM) - Italia | P.I. 12100901003 | Cell. +39 346 6510843   - Cell. +39 347 2329591 | apsnoiscuola@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy